STATUTO - FONDAZIONE GIANLUIGI E STEFANO PROIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

CHI SIAMO

STATUTO

ATTO NOTARILE COSTITUTIVO DELLA FONDAZIONE DEL 30 NOVEMBRE 2009 ED ATTO MODIFICATIVO DELLO STESSO DEL 13 MAGGIO 2010
(Registrati a Frosinone rispettivamente il 16.12.2009 al n. 8850 serie 1T ed il 17.05.2010 al n. 3436 serie 1T)


STATUTO
“FONDAZIONE GIANLUIGI E STEFANO PROIA”

Art.l. – COSTITUZIONE e DENOMINAZIONE
E’ costituita per volontà dei coniugi  prof.essa Santacroce Fortunata …omissis… e prof. Proia Mario …omissis … una Fondazione, denominata “GIANLUIGI E STEFANO PROIA” in memoria dei figli Gianluigi e Stefano Proia prematuramente scomparsi, per promuovere ed approfondire la cultura in materia di informazione, di ricerca archeologico-storica e di  economia ed in particolare per far conoscere e ricordare l’attività svolta in tali campi dai due fratelli venuti meno in giovane età.
Art.2 - SEDE
La Fondazione ha sede in Frosinone via Gaeta 76 (ora 42).
Art.3- AMBITO TERRITORIALE E DURATA
L
’attività della Fondazione si svolge in ambito provinciale e regionale ed ha durata illimitata.
Art.4 - FINALITA’
La Fondazione è apolitica e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale. Non ha finalità di lucro ed ha come scopo generale quello di favorire, celebrare e premiare studi, ricerche e pubblicazioni nel campo dell’informazione e della ricerca storico-archeologica ed in quello delle discipline economiche e  come scopo particolare e specifico quello di  valorizzare e approfondire la conoscenza della vita e dell’opera giornalistica e di ricerca archeologico-storica di Gianluigi Proia e della vita e degli studi in campo economico di Stefano Proia.
Tali finalità saranno perseguite principalmente attraverso incontri, convegni, attività espositive e museali ed altre manifestazioni intese a conservare vivo il rcordo dei due fratelli ed a valorizzarne l’opera, oltrechè attraverso l’istituzione di premi, concorsi, tesi e borse di studio. La fondazione favorirà la creazione in sede di una biblioteca tematica, a supporto degli scopi sociali. È fatto divieto alla Fondazione di svolgere attività diverse da quelle indicate.
Per il conseguimento dei propri scopi, la Fondazione, in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione, potrà altresì promuovere occasionalmente raccolte pubbliche di fondi anche mediante offerte di beni di modico valore o di servizi ai sovventori.
Nell’ambito dello scopo perseguito, la Fondazione ha facoltà di scegliere e di sostenere finanziariamente progetti ed iniziative di terzi, con totale libertà ed indipendenza di giudizio.

OMISSIS

Art.6 - COMPONENTI
I membri della Fondazione si distinguono in: Fondatori-Promotori, Partecipanti-Fondatori, Aderenti-Sostenitori.
I Fondatori-Promotori sono le parsone fisiche che costituiscono la Fondazione, Sigg.  MARIO PROIA e FORTUNATA SANTACROCE.

OMISSIS

Art.7 - ORGANI

Sono organi della Fondazione:

a. il Consiglio di Amministrazione;
b. il Comitato Esecutivo, ove nominato;
c. il Presidente e il Vice Presidente;  
d. il Collegio dei Revisori dei Conti;
e. il Comitato Tecnico-Scientifico, ove nominato.
Art.8 - CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
La Fondazione è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da n. 4 membri di diritto rappresentati da:
- un Presidente …omissis… in persona del prof.  Mario Proia;
- un Vice presidente …omissis… in persona della prof.essa Fortunata Santacroce;
- un Segretario …omissis… in persona dell’avv. Antonio Mastrangeli;
- un consigliere …omissis … in persona del sig. Giorgio Copiz.

OMISSIS

Art. 14 - COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO
Il Consiglio di Amministrazione può istituire il Comitato tecnico-scientifico, composto dai componenti volta a volta nominati, scelti preferibilmente tra le personalità distintesi nei campi di attività indicati all’art. 4 .

I componenti il Comitato tecnico-scientifico durano in carica per il tempo determinato all’atto della nomina e comunque per non più di cinque anni e possono essere riconfermati.
I componenti il Comitato vengono sostituiti dal Consiglio in caso di dimissioni, permanente impedimento o decesso, per il rimanente periodo di durata in carica.
Il Comitato esplica le attribuzioni ed i compiti che gli sono conferiti dal Consiglio di Amministrazione ed ha funzioni consultive.
Il Comitato è presieduto dal Presidente della Fondazione oppure da persona dallo stesso designata.
Il Comitato tecnico-scientifico si riunisce almeno due volte l’anno e può essere convocato ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno o su richiesta motivata di almeno un terzo dei componenti il Comitato stesso.
Il Comitato:
• formula proposte sulle attività della Fondazione e segnala persone ritenute idonee, a suo giudizio, per collaborare nell’attuazione di dette attività;
• esprime il suo parere sui programmi di attività ad esso sottoposti;
• esprime, se richiesto, il suo parere sui risultati conseguiti in ordine alle iniziative attuate dalla Fondazione.

Art.15 -  GRATUITA’ DELLE CARICHE
Tutte le cariche sono gratuite, salvo il rimborso delle spese per lo svolgimento dell’ufficio.

OMISSIS

Art. 19 - NORME APPLICABILI
Per tutto quanto non espressamente disposto, si intendono richiamate le disposizioni del Codice Civile in tema di Fondazioni.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu